Home
Giuseppe Mainini: “Quasi una favola".
Scritto da Luca Natali   
domenica 04 marzo 2007

… “Quasi una favola”
di Giuseppe Mainini.

  Un giorno sulla terra
  apparve l’uomo
ed ebbe una compagna,
vivevano felici
e tutt’intorno
era il Paradiso.
Quasi una favola,
poi, ambiziosi,
peccarono
e dal Paradiso
furono scacciati;
da allora stenti e fatiche
per una vita nuova,
figli dopo figli,
popoli e razze
sempre in cerca del meglio
con la morte alle spalle
e senza pace.
E lotte, e guerre fratricide,
pestilenze, malanni, carestie
lungo il cammino,
ma avanti, avanti sempre
verso nuove conquiste;
l’uomo ebbe tutto,
benessere, ricchezza,
ma, illuso, la felicità
non ebbe più.
E, presuntuoso,
volle sfidare
anche la natura,
tutto fu corrotto,
ogni conquista raggiunta
venne meno,
ogni fonte distrutta,
la capacità di procreare
spenta, tutto finito,
un deserto
il pianeta che fu
regno dell’uomo.
Si ritrovarono
alla fine in due,
novello Adamo
e la compagna Eva,
senza più figli
e senza più speranza;
Tornarono essi al Padre
figli prodighi e pentiti
per tanto fallimento,
e nel perdono
Dio ancor li accolse.

Ultimo aggiornamento ( martedì 04 agosto 2015 )
Leggi tutto...
 
Libro Storico - Guida illustrata a Roma antica
Scritto da Administrator   
giovedì 18 gennaio 2007

 

 Guida illustrata a Roma antica  

Autori: Marco Graziosi ‘Pugacioff’ - Luca Natali

 

Una Guida, del tutto singolare, conduce una bambina

tra le antiche rovine del Foro Romano, del Palatino,

del Colosseo e dei Fori Imperiali.

Lungo il tragitto, visitando alcuni luoghi,

potremo conoscere tradizioni e leggende millenarie

che hanno caratterizzato un grande popolo:

il popolo di Roma.

 

(Con allegata piantina del Foro Romano)

 

Copertina a colori, pp. 78 illustrate in  b/n.

 

€ 10

 


 Per ordinare il libro:

http://www.edizionisimple.it/libro/guida-illustrata-a-roma-antica/


Disponibile anche in formato digitale:

 http://www.lulu.com/shop/luca-natali-and-marco-pugacioff/guida-illustrata-a-roma-antica/ebook/product-21366781.html


 

Ultimo aggiornamento ( domenica 05 giugno 2016 )
 
Articolo - Groenlandia: l'ultima avventura
Scritto da Administrator   
mercoledì 29 ottobre 2008

  

Groenlandia: l'ultima avventura

di Ottorino Tosti
 - 11 ottobre 2008 -

 


Il gruppo della Spedizione Saxum 2008


Il racconto della spedizione Saxum 2008, fatto nelle scorse settimane da Ottorino Tosti per mentelocale.it, finisce qui. Saxum 2008 è stata l'unica spedizione italiana in Groenlandia nell'ambito delle iniziative dell'Anno Polare Internazionale 2007-2008. Ha ricevuto la Medaglia d'Argento della Presidenza della Repubblica. Tra i promotori il Progetto Carta dei Popoli Artici e l'associazione Ex-Plora Nunaat International.

Ma Ottorino non ci lascia. Restate nei dintorni perché presto tornerà a parlarci di leggende, cultura, sciamanesimo. E chissà, magari della prossima spedizione.


Freddo, vento, neve.
Da oltre un’ora sto camminando sulla pietraia che mi porterà per una volta ancora sull’altopiano.
Sono meno di duecento metri di dislivello, ma in queste condizioni, con il nevischio fitto che picchia in faccia, devo muovermi con cautela. A poco serve la maschera che mi copre il viso, coperta di neve e incrostata di ghiaccio. Gli scarponi slittano sulle pietre ghiacciate, e ad ogni passo devo fare attenzione a non scivolare. In questi momenti, un incidente, seppur banale, può diventare un pericolo mortale per sé, e un dramma per i compagni.
Sto salendo, solo, per raggiungere il limite del ghiacciaio dove è mio compito effettuare alcuni prelievi di fango e di ghiaccio. Non sono certo queste le condizioni atmosferiche migliori per muoversi, specialmente isolato dagli altri, ma è l'ultima giornata di campo, e non si può rimandare a domani.

Da quassù, nei momenti di sereno dei giorni scorsi scorgevo tutto il Sermilik, e gli iceberg che si muovevano pigramente avanti e indietro per il fiordo spinti dai venti.
Ma oggi non si scorge nulla. Si intravvede a malapena, di tratto in tratto, nella nebbia fitta e nel nevischio, la cerchia di montagne che chiude lo sguardo verso oriente.
Mi siedo, poggiando la schiena contro un masso per ripararmi dal vento freddo che soffia da nord. La temperatura è bassissima, forse -10°, o anche -15°. Il vento la moltiplica, e devo muover continuamente le dita delle mani, anche se protette dai guanti, per tenerle calde. Penso continuamente e con apprensione al momento in cui dovrò togliermi i guanti per prelevare i campioni di terra e di ghiaccio.

Soffro anche di angoscia al pensiero che domani dovrò abbandonare questo posto. Con lo sguardo frugo nella nebbia, a cercare per l'ultima volta i fantasmi pietrificati che dalle cime dei monti per questi otto giorni mi hanno accompagnato alla ricerca delle tracce di ere geologiche passate.Ogni montagna ha la sua forma, su ogni montagna una figura di uomo, di animale, di mostro dalle fattezze infernali giace immota, inchiodata lì da milioni di anni. Forse che qui sono stati imprigionati da un forza suprema tutti coloro che hanno cercato di sfidare i ghiacci e le rocce del Sermilik, pietrificati nel loro ultimo istante di vita, condannati a stare qui per l'eternità in attesa del giorno del Giudizio?

Una folata di vento più forte delle altre solleva un turbine di neve che mi avvolge e mi fa perdere di vista il terreno e il cielo. È un istante. Mi ripiego su me stesso per riparami. Un bagliore, un lampo bianco, seguito da un turbine che correndo risucchia e trascina verso il Sermilik neve, sassi, detrito e sabbia mi avvolge.
Sbattuto dal vento, mi pare di perdere per un istante la coscienza. In questo momento fra la veglia e la morte, accecato dalla neve sempre più fitta e pungente, intravvedo una vaga sagoma bianca che mi danza intorno, una lama affilata, nera, mi accarezza senza farmi male, sta qualche istante, poi scorre via e scompare nella nebbia.
Da che parte?
Sono rimasto solo nel deserto bianco.
Chiamo alla radio. Solo il vento mi risponde. Che è successo?

.... non so cosa sia accaduto in quel momento. Non lo so, ma fra qualche giorno, quando all'aereoporto di Kulusuk entrerò nella sala d'attesa, vedrò che la bianca e ispida pelliccia di Nanuk, l'orso, non è più inchiodata al muro per far meravigliare di sé i turisti.
Mi racconterà, quel giorno un Inuit, fra lo spaventato e il meravigliato, che alcuni giorni prima era scoppiata una tempesta improvvisa sul mare, che aveva sollevate onde alte cinque, sette, dieci metri. Il vento era venuto dal nord, soffiando dal fiordo di Sermilik.
Un turbine, spaventoso come un tornado, era salito su delle profondità del mare ed era corso per la strada di terra. Si era aggirato fra le case del villaggio e aveva devastato tetti, persiane, tutto ciò che poteva lo aveva divelto via con rabbia.
Pareva cercasse qualcosa. Mi ha raccontato che sotto quel vento rabbioso l'intera costruzione dell'aereoporto aveva tremato, colpi violenti si erano sentiti contro la porta, i serramenti erano stati piegati, e una finestra divelta da un forza sovrumana.
Ha raccontato che un vortice bianco aveva attraversato la sala, aveva strappato via la pelle di Nanuk, l'orso, che giaceva inchiodata al muro, e l'aveva portata via con sé.
Ha raccontato che l'aveva vista volare verso il Sermilik avvolta nella tempesta, danzare sollevata in aria, e poi riempirsi come se avesse acquistato un corpo.

Ora so che cosa è accaduto lassù, sull'altopiano del Sermilik. Ora sono certo che Nanuk, l'orso bianco, è comparso improvvisamente davanti a me. Mi ha fatto visita lassù, sull'altopiano in mezzo alla tempesta, uno dei mille fantasmi che si agitano inquieti qui fra le montagne e i ghiacci del Sermilik, e mi ha soffiato nel cuore, con il soffio sciamanico con cui si dona la vita, lo spirito di questa terra.
Il bimototore dell'Icelandair vola lentamente ora via dalle coste della Groenlandia. Guardo il mare coperto di iceberg alla deriva, il pack che sta serrando completamente la costa e non lascia più spazio alle barche. La costa scura che si allontana sempre più e sfuma nella nebbia.

Dove siete ora, amici miei cari, in questa notte insonne di ottobre?
Tu, Gianluca, che non ci eravamo ancora conosciuti ma eravamo già amici, quel giorno di febbraio di due anni fa, quando ti ho telefonato per la prima volta dicendoti che ero interessato a organizzare un programma di ricerca glaciospeleologica in Groenlandia.
E tu, Giorgio, ricordi come non riuscivamo ad addormentarci se prima non brindavamo alla giornata trascorsa con un sorso di Idrolitina? Sarà contento il fantasma del Cav. Gazzoni di saperlo. Lo dico anche se non ci ha dato nessun sponsor. Ma se lo merita, con quella meraviglia di bevanda da ghiacciaio che ha inventato, non è vero?
Franco, tu che mi dicevi a Tinitequilaaq 'andiamo a fare un po' di fotografie'. E io che ti rispondevo 'ma le abbiamo già fatte', e tu di rimando 'non importa, facciamone altre, magari le prendiamo da un altra angolazione'.
E tu, Libero, che parlavi con tanta nostalgia della casa lontana, e ti commuovevi quando mi raccontavi dei tuoi due bimbi piccoli, e soprattutto dell'ultimo che aveva pochi mesi.
Tu, Davide, che sei sempre stato l'immagine del solido rifugio che accoglie in mezzo alla bufera.
E tu, Luca, sempre il primo ad alzarti al mattino e l'ultimo ad addormentarti alla sera, nella tua tranquilla e disponibile amicizia sei stato in realtà forse il più forte di tutti.

Dove siete, ora, amici miei cari, in questa inquieta notte di ottobre? Non sentite le acque del Sermilik sciabordare agitate contro le rocce?
Sono le tre del mattino. È tardi. Svegliatevi. Lo sapete che la Groenlandia non è lontana. Sono solo sei ore di viaggio.

Se buttate in fretta in un sacco i vestiti, le corde, le piccozze e i ramponi, e partite subite, per domani a mezzogiorno ci vediamo all'aereoporto di Malpensa. Mangiamo qualcosa e andiamo a fare il check-in. Si parte a mezzanotte. Si prende il bimotore a Reykjavik in Islanda alle 7 del mattino. Si arriva alle 10 a Kulusuk.
A mezzogiorno si è già Tasiilaq, e con una barca veloce alle quattro del pomeriggio di domani siamo a Tinitequilaaq....


Leggi anche: - Vi raccontiamo la Groenlandia- Il sole a mezzanotte- I ghiacciai senza nome- Viaggio alla fine del mondo- Alla scoperta degli abissi- Nella base di Ikatek- Il villaggio dei cani Alfa- Incontro con i bimbi Inuit- Il momento dell'addio

  Alcuni dei sopracitati articoli di Ottorino Tosti in formato pdf:

http://inuitdellario.myblog.it/list/documenti/841071826.pdf

Ultimo aggiornamento ( venerdì 29 novembre 2013 )
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 25 - 28 di 51
Copyright © Associazione Culturale Aquischienti